Home Normative

Articoli e Notizie

Carta della Qualità delle Fattorie Didattiche in Italia

Attenzione: apre in una nuova finestra. PDFStampaE-mail

Requisiti di Qualità delle Fattorie Didattiche

COME VIENE CONFERITA LA QUALIFICA DI FATTORIA DIDATTICA?

In Italia sono le singole amministrazioni regionali a decidere quali fattorie possono diventare "didattiche". Di norma la decisione si basa sul rispetto di alcuni parametri definiti da un documento chiamato "Carta della qualità".

Le fattorie didattiche di Lombardia e Veneto si attengono ad una carta della qualità simile a quella della Regione Emilia-Romagna, la prima in Italia ad aver stilato una carta della qualità semplice, completa e chiara.


In generale le aziende presenti in questo sito garantiscono il rispetto di alcuni requisiti essenziali al fine di permettere la buona riuscita delle visite, i più importanti sono:

  • Metodo di produzione ecocompatibile (agricoltura biologica o integrata)
  • Disponibilità di un luogo di accoglienza coperto per la realizzazione delle attività didattiche in caso di maltempo
  • La fattoria è pulita, accogliente e attrezzata per ricevere il pubblico. Gli ospiti devono comunque considerare che si trovano in un luogo di lavoro e quindi devono rispettare eventuali limitazioni d'accesso o segnalazioni di pericolo comunicate dall'agricoltore
  • L'azienda ha un'assicurazione di responsabilità civile che include i rischi di intossicazione alimentare


Vuoi consultare la carta della qualità delle fattorie didattiche nella tua regione?
Leggi l'articolo La Carta della Qualità nelle diverse Regioni >>


Riportiamo alcuni passi della Carta della Qualità dell'Emilia Romagna che, nell'ambito del coordinamento regionale, ha definito per prima i criteri standard per la selezione delle aziende e la verifica della validità didattica delle proposte. Le altre regioni hanno poi elaborato altre carte, ma sempre basandosi su questo documento.



LA CARTA DELLA QUALITÀ DELLA REGIONE EMILIA-ROMAGNA

Come detto, per ottenere la qualifica di "Fattoria Didattica" è necessario rispettare alcuni standard di qualità che riguardano la sicurezza, la formazione, la competenza degli operatori, l'affidabilità dell'impostazione pedagogica. Ecco i requisito stabiliti dall'Emilia Romagna che si possono ritenere validi anche per le altre Regioni:

Caratteristiche produttive
Adozione di sistemi di produzione biologica o integrata o di produzioni tipiche di qualità.

Formazione degli agricoltori
- Partecipazione a un corso specifico di base e a successivi aggiornamenti.

Accoglienza
- Presenza di locali o ambienti coperti attrezzati con arredo indispensabile per la realizzazione delle attività didattiche in caso di maltempo e di almeno un servizio igienico riservato agli ospiti.
- Adeguata pulizia dei luoghi prossimi al centro aziendale, che devono essere liberi da materiale d’ingombro, attrezzature in disuso o altro che possano costituire ostacolo, pericolo o comunque effetto sgradevole.
- Presenza di aree delimitate dove i bambini possano consumare la merenda e/o giocare in libertà e sicurezza.
- Suggerire ai visitatori un abbigliamento comodo, adeguato alla stagione e all’attività all’aria aperta.

Didattica
- Accogliere un numero di bambini proporzionato al numero di operatori presenti in azienda.
- Fornire alle classi il materiale didattico di supporto predisposto dalla Regione Emilia-Romagna e/o da altri Enti qualificati, oltre a quello specifico della fattoria didattica.
- Concordare con gli insegnanti, prima della visita, gli obiettivi educativi da raggiungere e il programma da realizzare con la classe.
- Predisporre l’itinerario in funzione dell’età dei ragazzi e dei programmi dei cicli scolastici.
- Prevedere un approccio interattivo: i soggetti dell’incontro sono agricoltori, insegnanti e ragazzi.
- Fornire agli insegnanti la scheda di valutazione dell’esperienza in fattoria, prevedere modalità feed-back (di interazione) tra aziende e classi e tenere un registro delle classi in visita.
- Sottoporsi al monitoraggio e ai controlli effettuati dalle Province.

Sicurezza
- Rispetto delle norme sanitarie e di sicurezza vigenti in materia.
- Prevedere un'assicurazione di responsabilità civile che includa i rischi di intossicazione alimentare.
- Rendere inaccessibili ai visitatori le sostanze pericolose
- Segnalare opportunamente, anche in forma verbale all'insegnante o al referente di gruppo, le aree e le attrezzature a rischio.
- Accertarsi con il corpo insegnante la presenza di bambini con eventuali allergie, intolleranze o problemi particolari.
- Dotarsi di un piccolo pronto soccorso (scatola con contenuto di pronto intervento) ai sensi della legge 626/94.

Ultimo aggiornamento giugno 2012

Nelle guide vedi anche:
Cosa sono le Fattorie Didattiche?
La Storia delle Fattorie Didattiche
Fattorie Didattiche in Italia

CERCHI UNA FATTORIA DIDATTICA?

 

Fattorie Didattiche Abruzzo
Fattorie Didattiche Basilicata

Fattorie Didattiche Calabria
Fattorie Didattiche Campania
Fattorie Didattiche Emilia Romagna
Fattorie Didattiche Friuli Venezia Giulia
Fattorie Didattiche Lazio
Fattorie Didattiche Liguria

Fattorie Didattiche Lombardia
Fattorie Didattiche Marche
Fattorie Didattiche Molise
Fattorie Didattiche Piemonte
Fattorie Didattiche Puglia
Fattorie Didattiche Sardegna
Fattorie Didattiche Sicilia

Fattorie Didattiche Toscana
Fattorie Didattiche Trentino Alto Adige
Fattorie Didattiche Umbria
Fattorie Didattiche Valle Aosta

Fattorie Didattiche Veneto

 




Segnala su:

Pubblicità
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Seguici anche su
Facebook Twitter Google+

© 2014 All Rights Reserved - JOY - the innovation center - p.Iva e C.F. 02466450307