Home Reti di Fattorie Carta della Qualità delle Fattorie della Lombardia - parte 2

Articoli e Notizie

Carta della Qualità delle Fattorie della Lombardia - parte 2

Attenzione: apre in una nuova finestra. PDFStampaE-mail

articolo di Nicoletta Molteni

… continua dalla prima parte

Carta della Qualità delle Fattorie della Lombardia - parte 1ACCOGLIENZA DEI VISITATORI

L’azienda ha ambienti accoglienti e curati, di spazi attrezzati sufficienti per svolgere le azioni educative, in particolare di locali coperti per lo svolgimento delle attività anche in caso di maltempo. L’azienda è dotata almeno di due servizi igienici (di cui uno almeno per disabili) e di lavabi con acqua potabile adeguati al numero dei ragazzi ospitati.

- Sono disponibili aree attrezzate e delimitate dove gli ospiti possono consumare la merenda e/o giocare in libertà e sicurezza.

- Gli agricoltori accolgono in modo cordiale gli ospiti e spiegano tutte le attività agricole svolte in azienda, permettendo ai visitatori di rapportarsi in condizioni di sicurezza agli animali allevati.

- Il numero dei partecipanti alle visite e alle attività educative deve essere adeguato agli spazi aziendali e all’efficacia delle azioni previste e, comunque, non superiore a 60/65 utenti.

- L’accoglienza è proporzionata al numero degli operatori presenti in azienda e il loro rapporto varierà in funzione dell’età dei partecipanti e delle attività proposte. Il rapporto operatori/utenti non potrà in nessun caso essere superiore a 30.

- L’accoglienza, la visita e le attività saranno condotte dall’agricoltore o da suoi familiari o da personale aziendale in possesso dell’abilitazione coinvolto anche nell’attività produttiva. Questo personale potrà essere coadiuvato da altri collaboratori aziendali e/o familiari dell’agricoltore. L’azienda deve comunque garantire, in ogni momento della visita e in ogni gruppo di attività,
la presenza di un operatore abilitato.

- E’ cura dell’azienda fornire alle classi ospitate eventuale materiale didattico di supporto e /o testimonianze della visita.

- In ogni azienda possono essere disponibili schede di valutazione, ed essere realizzati interventi per verificare l’efficacia delle attività proposte. Tali azioni possono essere fatte da Organizzazioni Professionali e disponibili anche ai funzionari provinciali preposti al controllo.

- Ogni azienda predispone un elenco delle classi in visita per monitorare l’andamento del settore, riportante data della visita, denominazione e indirizzo della scuola, classe e numero dei partecipanti.



SICUREZZA DEGLI OSPITI

La fattoria didattica è dotata dei sistemi di sicurezza previsti dalle normative correnti.

- L’azienda si impegna a mettere in atto ogni precauzione per evitare situazioni di pericolo ai partecipanti da parte di animali, attrezzature o sostanze pericolose.

- I visitatori saranno comunque resi coscienti che un’azienda agricola è un luogo di lavoro, e conseguentemente i locali o depositi di attrezzi e sostanze pericolose devono essere resi inaccessibili.
Eventuali limitazioni d’accesso in aree determinate sono ben segnalate e sono comunicate agli accompagnatori, prima della visita o comunque all’inizio della stessa e delle attività educative.

- Tutti gli animali allevati in azienda sono sottoposti a periodici controlli profilattici dei Servizi Veterinari delle Asl, in particolare per le malattie ritenute trasmissibili all’uomo. I locali di ricovero sono puliti regolarmente e disinfestati.

- Durante le visite e le attività educative i partecipanti sono coperti da assicurazione di responsabilità civile comprendente, nel caso di ristoro, il rischio di tossinfezione.

- Se l’azienda fornisce ai propri ospiti spuntini, merende o prodotti alimentari adottano un sistema di autocontrollo ai sensi del D.lgs. 155/97.
L’azienda possiede attrezzature di primo soccorso efficaci e in buono stato di conservazione e gli operatori hanno frequentato corsi di primo soccorso ai sensi della legge 626/94. Riconoscimento e accreditamento annuale

- Solo le fattorie didattiche in grado di soddisfare i sopraindicati requisiti possono ottenere il marchio delle Fattorie Didattiche della Lombardia.

- I competenti uffici delle Province verificano la sussistenza dei requisiti previsti dalla Carta della qualità nel momento in cui l’azienda richiede l’accreditamento, avvalendosi, eventualmente, per la valutazione del progetto formativo, del referente per l’educazione alimentare e dell’apporto di professionalità esterne.

- Le Province possono disporre controlli e verifiche in ogni momento e procedere, in caso di gravi inadempienze, alla revoca dell’accreditamento.

Guarda le fattorie didattiche in Lombardia


Segnala su:

Pubblicità
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Seguici anche su
Facebook Twitter Google+

© 2014 All Rights Reserved - JOY - the innovation center - p.Iva e C.F. 02466450307