Home Viaggi e Vacanze In Vacanza in Campagna

Articoli e Notizie

In Vacanza in Campagna

Attenzione: apre in una nuova finestra. PDFStampaE-mail

In Vacanza in CampagnaARIA PULITA, RELAX E BUON CIBO
articolo di Nicoletta Molteni

I numeri degli arrivi e delle presenze negli oltre 18mila agriturismi italiani sono positivi. Territorio, gastronomia e natura attraggono sempre più persone. Il fresco, il relax e il risparmio sono gli elementi chiave nella scelta della vacanza rurale. E per la bassa stagione crescono le visite alle Fattorie Didattiche.

Lo dicono i risultati di una recente indagine Ismea (Istituto di Servizi per il Mercato Agricolo Alimentare) svolta su un campione di duemila intervistati tra Roma e Milano.

L'AGRITURISMO CHE VORREI

Per gli intervistati l’agriturismo da scegliere ha queste caratteristiche: immerso nel verde e nella natura, in una zona piacevole e tranquilla, rustico e con pochi riadattamenti e con la possibilità di vivere l’attività agricola. Ciò che allontana il cliente dalla scelta di un certo agriturismo invece è la percezione che l’offerta sia omologata a quella di una vacanza convenzionale in albergo.

Più del 31% degli italiani ha pernottato almeno una volta, nel corso della vita, in una struttura agrituristica. La presenza di bambini e ragazzi in famiglia è uno degli stimoli più importanti nella scelta di un agriturismo. Con riferimento all’ultimo soggiorno effettuato, il numero di notti trascorse è in media di 2,9.

SEMPRE PIÙ STRANIERI

Il dato più positivo è lo sviluppo dell’offerta in quelle regioni fino ad oggi meno sviluppate nel settore (Sicilia, Puglia e Sardegna). Mare, montagna e territori dall’enogastronomia sono le principali mete scelte dagli agrituristi.

Molti anche gli stranieri che scelgono l’Italia prediligendo la soluzione della campagna (il 25%) e tra questi la maggior parte sono giovani (55%) con età compresa tra i 18 e i 35 anni. E proprio a riguardo delle provenienze dall’estero si registrano arrivi da paesi emergenti come India ed Est Europa, ma anche Spagna e Francia.

LE ATTIVITÀ COLLATERALI

In forte crescita le attività collaterali (9.643 strutture, con un aumento medio del 10%) che puntano alla valorizzazione del territorio, inteso come ambiente e cultura. Fra le preferite l’Osservatorio nazionale dell’agriturismo di Agri@Tour annovera l’escursionismo (3.130), l’equitazione (1.550) e il trekking (1.465), ma anche osservazioni naturalistiche e mountain bike (2.311), oltre a diversi sport (3.680) e ai corsi (1.025) in particolare di cucina.


Segnala su:

Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Seguici anche su
Facebook Twitter Google+

© 2014 All Rights Reserved - JOY sas - p.Iva e C.F. 02466450307